Castello di Rivoli
Museo d'Arte
Contemporanea
Rivoli - Torino
Galleria nazionale
d'arte moderna e contemporanea
Roma
GAMeC
Galleria d'Arte
Moderna
e Contemporanea
Bergamo
MADRE
Museo d'Arte
Contemporanea
DonnaREgina
Napoli
MAMbo
Museo d'Arte
Moderna
Bologna
MAXXI
Museo nazionale
delle arti
del XXI secolo
Roma
Teatro Margherita
Bari
Triennale di Milano
Arte Povera International
a cura di Germano Celant e Beatrice Merz
Castello di Rivoli
9 ottobre 2011 – 19 febbraio 2012

A partire dal 9 ottobre 2011 il Castello di Rivoli presenta il proprio contributo all’ambizioso progetto curatoriale di Germano Celant Arte Povera 2011.
La rassegna al Castello di Rivoli, Arte Povera International, è curata insieme dall’ideatore della mostra e dal co-direttore del museo Beatrice Merz. Nelle sale auliche al primo e secondo piano della prestigiosa residenza sabauda, le opere storiche dei protagonisti del movimento sono a confronto con altrettanti capolavori di artisti della scena internazionale dell’epoca. La maggior parte delle opere provengono da collezioni museali italiane e dalla fitta rete di collezionisti privati che, sin dalla fine degli anni Sessanta, si occuparono di Arte Povera. La selezione degli artisti internazionali è avvenuta attraverso un’accurata ricerca scientifica sulle mostre che tra il 1966 e il 1972 hanno visto l’Arte Povera in dialogo con diverse e parallele correnti artistiche internazionali Le sale del castello ospitano un discorso autonomo di tutti i protagonisti dell’Arte Povera e un confronto con Vito Acconci, Carl Andre, Art & Language, Richard Artschwager, John Baldessari, Robert Barry, Lothar Baumgarten, Bernd e Hilla Becher, Joseph Beuys, Mel Bochner, Bill Bollinger, Daniel Buren, James Lee Byars, Hanne Darboven, Gino De Dominicis, Nicola De Maria, Jan Dibbets, Dan Flavin, Lucio Fontana, Hamish Fulton, Gilbert & George, Dan Graham, Rebecca Horn, Douglas Huebler, Joseph Kosuth, Barry Le Va, Sol LeWitt, Richard Long, Fausto Melotti, Reinhard Mucha, Bruce Nauman, Maria Nordman, Dennis Oppenheim, Edward Ruscha, Reiner Ruthenbeck, Salvatore Scarpitta, Gerry Schum, Richard Serra, Robert Smithson, Keith Sonnier, Andy Warhol e Lawrence Weiner.
La specificità della mostra al Castello di Rivoli è data quindi dall’incontro tra temi e poetiche sulla scena internazionale che vide il movimento italiano proiettato in uno scambio entusiasta con i linguaggi e le modalità di dialogo degli altri movimenti e artisti del tempo. La grande energia messa in campo dalle proposte poveriste in ambito internazionale oggi idealmente ritorna nella città in cui ebbero inizio e in uno dei musei che – sin dalla propria fondazione – ebbe aiuto e contributo di opere e lavoro proprio da parte degli artisti del movimento. Il ritorno di questa potente carica di pensieri, processi e materiali si concretizza in un excursus ampio tra le risonanze dell’Arte Povera e le declinazioni solo apparentemente lontane di Land, Body e Conceptual Art. Arte Povera International inaugura sabato 8 ottobre 2011, nell’ambito delle manifestazioni per la 7a Giornata del Contemporaneo.

Sede
Date
Orari di apertura



Ingresso
Informazioni
Piazza Mafalda di Savoia, Rivoli (Torino)
9 ottobre 2011 – 19 febbraio 2012
da martedì a venerdì 10.00 – 17.00,
sabato e domenica 10.00 – 19.00,
chiuso il lunedì, 25 dicembre
e 1° gennaio, 24 e 31 dicembre 10.00 – 17.00
intero € 6,50 ridotto € 4,50
+39 011 9565222 www.castellodirivoli.org, www.castellodirivoli.tv


Il museo

Il Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, inaugurato nel 1984 per iniziativa della Regione Piemonte, è il primo esempio in Italia di gestione pubblico-privata di istituzione culturale e museale.
Attualmente sono sponsors istituzionali del Museo, oltre alla Regione Piemonte, la Fondazione CRT, la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Torino, la Città di Torino e UniCredit.
Rudi Fuchs è stato direttore del Museo dall’apertura al 1990, successivamente gli è succeduta Ida Gianelli che è rimasta in carica sino al dicembre 2008. E’ poi stata la volta della direzione ad interim di Carolyn Christov-Bakargiev conclusasi con la nomina, nel dicembre 2009, degli attuali direttori Andrea Bellini e Beatrice Merz.
Dal 1984 il Museo ha realizzato oltre centocinquanta rassegne d’arte contemporanea, sia come proprie produzioni sia in collaborazione con istituzioni culturali internazionali e con i più importanti musei, facendo conoscere le opere di oltre quattrocento artisti. Numerose sono state le personali dedicate a maestri dell’arte moderna e ai protagonisti dell’arte contemporanea.
Sono stati organizzati oltre trecento eventi culturali: dal cinema al teatro, dalla musica alla danza. Il Museo ha realizzato rassegne teatrali in collaborazione con il Teatro Stabile di Torino diretto da Luca Ronconi, ha ospitato produzioni di Teatro Settimo diretto da Gabriele Vacis e della RAI con artisti come Vittorio Gassman. Più recentemente il Museo ha ospitato spettacoli teatrali in collaborazione con Teatro Piemonte Europa. Oggi il Castello di Rivoli è conosciuto in Italia e all’estero come uno dei più qualificati punti di riferimento per l’arte contemporanea. Nel novembre 2003 si è inaugurato, nell’ambito del Castello di Rivoli, il Museo della Pubblicità, il primo del suo genere in Italia
Costituitasi a partire dal 1984, anno di apertura del Museo, la Collezione Permanente del Castello di Rivoli viene costantemente arricchita grazie a nuove acquisizioni, donazioni e prestiti a lungo termine. Attualmente i lavori presenti in collezione sono oltre 300 tra opere e grandi installazioni di un centinaio di artisti.
La Collezione documenta i momenti cruciali dello sviluppo dell’arte contemporanea in Italia e all’estero dagli anni Sessanta ad oggi. L’apertura della Manica Lunga, destinata alle mostre temporanee, ha permesso il riallestimento della Collezione sui due piani del Castello. L’allestimento, in parte cronologico, rispecchia la complessità della vicenda artistica e la costante evoluzione del linguaggio espressivo dei suoi protagonisti. Il nuovo percorso, che tende alla realizzazione di sale monografiche, fa sì che ciascuna sala rappresenti uno o più momenti di ciascun artista, oppure si offra come occasione di dialogo tra opere di artisti diversi. Le opere della Collezione vengono esposte a rotazione, nell’intento di offrire una panoramica sull’identità culturale del Museo.
La Collezione Permanente comprende un settore dedicato ai maestri della fotografia contemporanea e alle più recenti tendenze e, dalla costituzione del Dipartimento Pubblicità e Comunicazione - Museo della Pubblicità, si è arricchita della raccolta dei manifesti e video della RAI-Sipra.
Nel 1999 la Fondazione CRT ha dato vita a un progetto mirato al rafforzamento del sistema dell’arte moderna e contemporanea nell’area metropolitana di Torino, attraverso il supporto al Castello di Rivoli e alla GAM. L’acquisizione di opere d’arte, in un primo tempo prevalentemente italiane ed in seguito anche di artisti stranieri, ha rappresentato lo strumento privilegiato per arricchire con opere attentamente selezionate le collezioni dei due musei. Per assicurare al progetto la continuità e l’agilità operativa necessarie è stata costituita a fine 2000 la Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT, che opera con la consulenza di un Comitato Scientifico internazionale.
Arte Povera 2011
a cura di Germano Celant

Promossa da
Castello di Rivoli
Museo d’Arte Contemporanea
e Triennale di Milano

Coordinamento e catalogo
Electa